Luce. Buio. In medio stat color. Un percorso da intraprendere alzando lo sguardo per fermare gli occhi nel momento in cui si percepisce attraverso la mediazione del senso.
Vedere, sapere.

Ed è allora che fioriscono le sensazioni e inizia la navigazione. Un’avventura sorprendente per individuare la sfumatura cromatica ideale, espressione di un’emozione intima, da custodire, comunicare, interpretare.

Per ogni colore un ventaglio di percezioni. Sempre mobili, come le onde. Seguono temperamenti, stati d’animo, stili. Ad ogni percezione una raccolta di sfumature. Tonalità unilaterali, perché la provenienza è la personalità, nonostante le più intrinseche sfaccettature.

Equilibrio di qualità, alternarsi di esperienze, sopraggiunge l’incanto. Il senso diventa cromia e si fa spazio.

Percezione è relazione. La traversata del mare cromatico verso la conoscenza. Nascono colori, si alzano le vele. Nella cromonavigazione la ricettività sensibile dà forma alla non materia.
 

CROMONAVIGAZIONE